Laboratori dal Basso – Asola non verba

orange fiber - laboratori dal basso

 

orange fiber - laboratori dal basso

Reblog – Il 23 Gennaio è trascorsa con fervorosa partecipazione presso le Officine Cantelmo di Lecce la prima giornata del Laboratorio dal Basso – Asola Non Verba, che ha avuto come relatrice Adriana Santanocito, imprenditrice siciliana fondatrice di Orange Fiber insieme alla sua socia Enrica Arena. Orange Fiber è la start up innovativa che unisce in maniera sensazionalmente creativa la moda alla chimica, brevettando il riutilizzo degli scarti industriali degli agrumi per ottenere tessuti multivitaminici che arricchiscono il settore del fashion con un tassello di sorprendente innovazione. Nello specifico, Orange Fiber mira a riutilizzare le oltre 700.000 tonnellate di sottoprodotto che l’industria di trasformazione agrumicola italiana produce annualmente, trasformandole in un tessile sostenibile che funzioni come una crema cosmetica e vitaminica da indossare. Un’idea che incarna un progetto ecosostenibile quella di Adriana, condivisa con le studentesse e gli appassionati di moda, ed i curiosi diinnovazione presso la Mediateca delle Officine Cantelmo venerdì pomeriggio.

image

Con uno stile espositivo squisitamente interattivo per tutta la durata del laboratorio, Adriana ha narrato i momenti principali della sua esperienza partendo dall’identificazione dell’idea geniale e procedendo con la sua trasformazione in un progetto concreto. Un’idea è preziosa se porta benessere, se migliora lo stile di vita delle persone, e se sostiene l’ambiente. I passaggi immediatamente successivi sono poi quelli di individuarne la fattibilità ed i finanziamenti, costituire l’azienda ed un prototipo, definendo un modello di business ed infine un programma di comunicazione e di analisi del mercato.

La seconda parte del laboratorio ha coinvolto tutti i presenti con un workshop in cui si poteva dare spazio alla creatività in gruppo ed adornarla con una strategia di presentazione finale. Sono stati ideati ciondoli emozionali, occhiali agenda, sartorie online di immediata operatività e pantaloni alla caffeina curativi e snellenti per le donne. È stato uno scambio mutuale di trovate bizzarre e di esperienze individuali, un crescendo di partecipazione e coinvolgimento da parte di chi all’inizio aveva esordito timidamente dicendo: “io non ho idee”.

image

Adriana ci racconta: “Questo laboratorio è stata un’esperienza bellissima anche per me, perché ho avuto modo di percepire la creatività e l’entusiasmo di tutti, e di capire che molto spesso non vengono fuori. Infatti, è stata una sorpresa vedere come i ragazzi si siano appassionati gradualmente alla mia storia e successivamente si siano messi in gioco durante il workshop immaginando di creare una vera impresa. Spero che la mia storia ed i miei consigli siano d’aiuto per la realizzazione di altre idee innovative”.

Adesso noi vogliamo essere d’aiuto per Orange Fiber sostenendo la campagna di crowdfunding

“Orange is the new green” #wearorange

E per assaporare il mood di quella che è stata la prima giornata di Asola Non Verba ecco l’intervista di Adriana Santanocito e di Vinoled realizzata da I Move Puglia Tv.

a cura di Raffaella Ferreri

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(http://www.orangefiber.it/wp-content/uploads/2017/04/4.png);background-size: cover;background-position: center center;background-attachment: scroll;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 620px;}